Officine Buone


Donare il proprio talento è uno dei tanti modi per sostenere ABIO ma soprattutto i bambini e le famiglie in ospedale e lo sa bene Officine Buone che venerdì 06 dicembre, all’interno dei reparti pediatrici dell’Ospedale dell’Annunziata, con alcuni degli ospiti di Musica Contro le Mafie ha donato la propria voce ai piccoli ricoverati dell’ospedale.

Officine Buone è una Onlus che propone un modo nuovo di fare volontariato. Realizza format innovativi che permettono ai giovani di donare il talento in ospedale e nei luoghi di fragilità. Realtà nata in Calabria, è operante in 48 ospedali (in Italia e all’estero) con oltre mille volontari che collaborano con ospiti importanti della musica e dello spettacolo.
È stato un pomeriggio magico all’insegna della musica, accompagnato da risate e tanto divertimento, con un corridoio diventato palco su cui esibirsi e di pazienti che per l’occasione hanno ricoperto il ruolo di giudici per valutare l’esibizione di artisti quali Gero, Picciotto, Serena
Brancale, Roy Paci e i loro strumenti.

Un ringraziamento particolare a Musica contro le Mafie che in collaborazione con Special Stage di Officine Buone e associazione Bambi Cosenza ci ha dato la possibilità di essere spettatori attivi di un pomeriggio meraviglioso.

Gogòl, omaggio al sorriso


“Gogòl è un omino che lascia il suo pianeta incolore e triste alla ricerca di nuove avventure estimoli. Approda nel pianeta Terra e qui conosce la natura, i suoi colori e gli uomini, che nonostante le loro debolezze e i comportamenti tanto diversi dai suoi, gli insegnano qualcosa che non aveva mai fatto: sorridere. Da allora Gogòl viaggia in lungo e largo attraverso il pianeta Terra con una missione: mantenere vivo il sorriso della gente e donarlo a chi l’ha perso.”

Il Gogòl è il simbolo di chi non si arrende e ce l’ha fatta; è portatore di una straordinaria rivoluzione positiva che mette al centro il valore dell’uomo e del suo lavoro.

Grazie mille all’associazione “Gogòl, omaggio al sorriso” per averci dato la possibilità di star vicini a chi si impegna per un “mondo sorridente” permettendoci di contribuire, insieme ai bambini ricoverati nei reparti pediatrici dell’Ospedale dell’Annunziata, alla realizzazione di 8 statuette Gogòl.

Felice Halloween


Nella notte più “spaventosa” dell’anno, sotto l’occhio stupito e a tratti un po’ spaventato dei piccoli pazienti, i volontari ABIO hanno affollato i reparti pediatrici dell’ospedale Annunziata di Cosenza travestiti da zombie, vampiri e streghe per regalare ai bambini mascherine a forma di zucca e dar loro la possibilità di festeggiare la festa dedicata alle streghe.

Un pomeriggio all’insegna della musica, del gioco e delle risate, nonostante le facce buffe ma paurose delle volontarie, che si è concluso, grazie al nostro progetto “Al cinema con ABIO”, con la proiezione del cartone animato Hotel Transylvania .

Un grazie a tutti i nostri volontari e ai bambini che ci hanno permesso di giocare con loro!

XV Giornata Nazionale ABIO
Sabato 28 settembre 2019 – Giornata Nazionale perAmore, perABIO
Centro commerciale Metropolis, Piazza Kennedy


Come ogni anno, l’ultimo sabato di settembre, i volontari ABIO scendono in 150 piazze di tutta Italia per diffondere la mission che ABIO porta avanti da più di 40 anni: rendere il più sereno possibile l’impatto del bambino e della sua famiglia in ospedale.

Sabato 28 settembre 2019 è stato un giorno di festeggiamenti per i volontari ABIO Cosenza che, 
con in mano un cestino di pere, muniti di una bicicletta per consegne speciali e in compagnia delle due mascotte WonderPera e SuperPera, hanno raccontato con entusiasmo, gioia e luccichio negli occhi la loro idea di ospedale a misura di bambino.



La Giornata Nazionale ABIO nasce quindici anni fa per far conoscere quello che i volontari fanno 
ogni giorno in oltre 200 reparti di pediatria in tutta Italia, per coinvolgere le persone e invitarle a seguire i corsi di formazione per diventare volontari e per spiegare che i bambini, gli adolescenti e i loro genitori, hanno dei diritti anche e soprattutto in ospedale. La quindicesima Giornata Nazionale ABIO che ha beneficiato del contributo della Regione Lombardia e del patrocinio del Ministero della Salute e del comune di Cosenza, ci ha permesso di incontrare i nostri sostenitori che con un piccolo contributo, in cambio di un cestino di pere, simbolo della Giornata, hanno contribuito a promuovere gli imminenti corsi di formazione che porteranno nuovi e preparati volontari ABIO al fianco di tutti i bambini in ospedale.

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato e contribuito alla riuscita di questa giornata di festa, 
ricorrenza dedicata al gioco, al sorriso, al divertimento e alla solidarietà!

5 x 1000 a Fondazione ABIO


Cari amici, care amiche,

anche quest’anno la legge finanziaria consente di destinare la quota del 5×1000 della vostra imposta sul reddito delle persone fisiche, relativa all’anno 2018, ad una serie di realtà fra cui le Onlus.

Si tratta, per noi, di un contributo fondamentale poiché consente di far sì che l’impegno e l’entusiasmo dei volontari ABIO arrivi in sempre più reparti di pediatria, di realizzare i corsi di formazione necessari per portare volontari preparati e qualificati nelle pediatrie, di realizzare i nostri progetti per rendere l’ospedale un luogo più accogliente.

È una scelta che non costa nulla, perché si tratta di una quota dell’imponibile a cui lo Stato rinuncia.

È un gesto che chiediamo a tutti voi.

È un invito che vorremmo rivolgere, tramite voi, a tutti i vostri amici.

Per destinare il 5x1000a Fondazione ABIO Italia
è sufficiente scrivere negli spazi dedicati il codice fiscale

97384230153

Per non dimenticarlo mettete questa lettera nella vostra cartella “contribuente”

Ogni giorno i 5.000 volontari ABIO accolgono i bambini, li aiutano a superare l’impatto con un ambiente sconosciuto, con il dolore proprio e con quello degli altri. I volontari sono anche un sostegno per i genitori attraverso l’ascolto, la disponibilità a dare informazioni utili sull’ospedale o a prendersi cura del bambino in caso di loro assenza.

Grazie al loro impegno ed entusiasmo i reparti pediatrici diventano ambienti dove trovano spazio il gioco, il sorriso, i colori.

Tutto questo è possibile grazie alla generosità di moltissimi donatori privati che hanno scelto di sostenerci con il loro 5×1000, condividendo l’importanza di sostenere il bambino, l’adolescente, i genitori in un momento così difficile come l’impatto con l’ospedale.

Vi ringrazio sin d’ora se vi ricorderete di noi.

Il Presidente
Alessandra Filice

ABIO Cosenza ha bisogno di te …. DIVENTA VOLONTARIO!


A chi mi chiede di descrivere i volontari ABIO dico sempre: non chiamateli “angeli”, non sono “eroi”. I volontari ABIO sono persone come tutti, che hanno i loro impegni personali, lavorativi, familiari, che hanno scelto di donare il loro tempo per essere al fianco dei bambini malati.
[Prof. Vittorio Carnelli – Presidente di Fondazione ABIO Italia Onlus]

Ogni giorno i 5.000 volontari ABIO, in più di 200 reparti di pediatriaaccolgono i bambini, li coinvolgono nei giochi e in tutte le attività che possano aiutarli a superare l’impatto con un ambiente sconosciuto, con il dolore proprio e con quello degli altri.

Fare volontariato, per ABIO, significa essere un sostegno anche per i genitori, perché la malattia di un bambino colpisce tutta la famiglia. Il volontario ABIO ascolta, offre informazioni pratiche sull’ospedale, si prende cura del bambino in caso di momentanea assenza dei genitori.

Per diventare volontari ABIO è necessario seguire un corso di formazione costituito da un incontro informativo, che ha la funzione di illustrare la storia, l’organizzazione, gli scopi di ABIO, il ruolo del volontario, e da una parte teorica, che approfondisce diverse tematiche legate al servizio ABIO.

Segue un periodo di tirocinio della durata di circa 6 mesi, in affiancamento a volontari già attivi.

A ciascun volontario è chiesta la disponibilità a garantire un turno fisso di mezza giornata ogni settimana, oltre alla partecipazione alle riunioni di reparto e alla vita dell’Associazione e del gruppo.

Il primo incontro informativo si terrà Giovedì 07 Marzo 2019 ore 17:00 presso Università degli Studi della Calabria,
aula APOLLO – cubo 18b (piano terra)
.
 
Aiutarci nella ricerca di nuovi volontari pronti a mettersi in gioco, è un altro dei tanti modi per sostenere ABIO e i bimbi in ospedale.

VI ASPETTIAMO!

CHI NON GIOCA IN COMPAGNIA…NON FA TOMBOLA!


Avete presente la magia del Natale, le famiglie riunite attorno alle tavole imbandite, i bambini che giocano, corrono e si stupiscono?

Avete presente lo sbrilluccichio delle lucine sugli alberi, sui balconi e per le strade?

E come si concludono le serate con gli amici e i parenti?

Se fermiamo l’immagine che ci suscitano queste domande non possiamo che pensare a una bella tombolata!

La tombola è il gioco degli amici, delle famiglie, di chi si vuole bene e, da un’idea di una volontaria, quest’anno l’associazione Abio ha organizzato durante le feste di Natale una tombolata itinerante per i reparti pediatrici dell’Annunziata.

Una tombola per grandi e piccini, cartelle con numeri e cartelle con simpatici animaletti, barchette, frutta e colori perché anche i più piccolini potessero vincere tanti regali!

Ma non appena si è sparsa la voce della tombolata in arrivo, ecco subito iniziata la corsa a partecipare dei tanti amici di Abio e per questo motivo abbiamo avuto dei premi davvero speciali per i quali ringraziamo la Gioielleria Scintille di Via Montesanto a Cosenza…è proprio vero che lo sbrilluccichio fa tanto Natale!

Grazie ai volontari e ai bimbi, ma anche alle mamme e ai papà che si mettono in gioco con noi e sono il veicolo più bello per portare avanti al nostra missione!

Il Natale in corsia


Quando si comincia a sentire l’aria del Natale tra i volontari Abio succede qualcosa di strano, forse un po’ magico perché improvvisamente tutti camici blu cominciano a correre su e giù per organizzare due grandi eventi.

Si racconta che Babbo Natale e la Befana in persona abbiano chiesto ai volontari di preparare ogni anno una grande festa per il loro arrivo, ed ogni anno, puntualmente le feste sono più grandi e più belle.

Anche questo Natale in corsia è arrivato il Babbo più buono e più dolce del mondo ed ha colmato di belle parole e di regali i cuori e le mani dei bimbi che si trovavano in ospedale.

Con lui, come ogni anno, due elfi bellissimi, tanti aiutanti volontari e questa volta degli amici molto speciali.

La lego ha deciso di dare al nostro Babio tante, ma anche tantissime confezioni di lego da distribuire, gli Strinari Rennitari hanno deciso di accompagnarlo nella sua passeggiata tra i corridoi dell’Annunziata insieme all’associazione Ali Rosa, è stato un Natale davvero magico!

Il Babbo non ha dimenticato proprio nessuno, nelle stanze, per i corridoi, negli angoli più nascosti ha distribuito doni e sorrisi e, come ogni anno insieme ai volontari ha portato gioia nei reparti pediatrici dando sempre più importanza al sorriso, lo strumento più bello dei volontari Abio.

Ma le feste le ha concluse quella vecchina della befana…ah, ma erano due le vecchiette perché c’erano tanti doni e da sola non riusciva a portarli tutti, così ha chiamato una sua vecchia amica che l’ha aiutata a distribuire tutto quello che i volontari avevano preparato.

E così ancora Lego, giochi e sorrisi in giro per i reparti pediatrici e per i corridoi dell’ospedale per concludere le feste natalizie e iniziare l’anno nuovo carichi di allegria e speranza!

Grazie di cuore ai volontari Abio, a Babbo Natale, agli elfi e alle befane, grazie alla Lego, agli amici Strinari Rennitari, all’associazione Ali Rosa, al personale dei reparti pediatrici e grazie soprattutto ai bimbi che abbiamo incontrato che con innocenza e allegria affrontano le sfide, insegnano tante cose ai grandi e non si fermano mai!

Con la Testa nel Blu



Dopo il successo di “Mamma Che Riffa”, l’evento organizzato da ABIO Cosenza nel mese di Maggio del 2017, quest’anno voliamo “Con La Testa nel Blu” nel cuore della città, nella piazza simbolo, Piazza Bilotti.

“Con la Testa nel Blu” nasce dall’idea di portare in piazza il mondo ABIO, a partire dal nome dell’evento, strettamente legato al colore del camice che i volontari indossano quotidianamente durante i loro turni in ospedale. 
Obiettivo primario dell’evento è donare alla cittadinanza un pomeriggio di giochi, intrattenimento e risate, un modo semplice per ringraziare chi ci ha sempre sostenuto permettendo la realizzazione di diversi progetti all’interno dei reparti pediatrici di Cosenza
Durante il pomeriggio di giochi, i volontari hanno avuto la possibilità di raccontarsi e di far conoscere l’associazione tramite immagini e testimonianze delle nostre attività. 

 

 

 

 

Insomma, un pomeriggio di festa, durante il quale, grazie alla collaborazione di Pagliassi.it, abbiamo visto sfilare un’affascinante trampoliera, abbiamo ballato a ritmo di babydance e abbiamo giocato e riso a crepapelle… e per gli adulti un importante momento di aggregazione e di impegno sociale e culturale.

Un grazie speciale a tutti i volontari ABIO che si sono impegnati per la buona riuscita della manifestazione e un grazie grandissimo ai numerosi bimbi che hanno allietato la nostra festa.

Un turno in più



22 Giugno 2018 – Cosenza – Ospedale Civile dell’Annunziata – Reparto di Pediatria

I volontari ABIO Cosenza svolgono, ormai da anni, le proprie attività nel reparto di Pediatria e Chirurgia Pediatrica ogni pomeriggio, dal lunedì alla domenica, dalle ore 15:30 alle ore 18:30. Nel reparto di Pediatria, inoltre, il mercoledì la nostra presenza è raddoppiata, con un ulteriore turno al mattino dalle ore 10:00 alle ore 13:00. Grazie alla disponibilità di alcuni volontari, a partire dal 22 Giugno, riusciremo a duplicare il turno anche il venerdì, confermando quello pomeridiano e aggiungendone uno al mattino. 
Siamo orgogliosi e felici di questo altro piccolo tassello aggiunto verso un ospedale a misura di bambino.